MUT NATURA

«Si tratta di un progetto che mira a denunciare, attraverso questo spettacolo di video musicali, la situazione di degrado in cui si trova la nostra natura in tutto il mondo.»

SINOSSI

L’idea nasce dall’esigenza di dare voce ed emozione ai disastri ecologici. Mut Natura è la colonna sonora ispirata a quella natura ferita, quindi successioni di immagini di ambienti naturali alterati costituiscono il fil rouge.
Le proiezioni nascono come piccole storie, è un lavoro artigianale, creativo e meticoloso con il rigore che il soggetto merita, alcune anche con vignette nei video, ideate e realizzate dal direttore della fotografia Carles Gusi e circondate da un light design. palco che circonda musicisti e schermo, creando un insieme scientifico anch’esso progettato da lui stesso.
Gli interpreti di questa colonna sonora sono una coppia internazionale, il trombettista Franco Baggiani di Firenze e il pianista Joan de Ribera della comunità valenciana, due musicisti affermati con una vasta esperienza sia nel campo dell’improvvisazione spontanea che nella composizione di musiche per teatro, film e televisione.

https://castellonplaza.com/franco-baggiani-i-joan-de-ribera-posen-banda-sonora-a-la-maltractada-naturalesa

CHI SIAMO

JOAN DE RIBERA TOCANDO EL PIANO Y EL BAJO DE TRUENO
PIANO Y BAJO DE TRUENO – Biografía de JOAN DE RIBERA
FRANCO BAGGIANI tocando la trompeta
TROMPETA Y EFECTOS – Biografía de FRANCO BAGGIANI
JOAN Y FRANCO tocando con el fondo proyectando imagen de un incendio
MONTAJES VISUALES – Biografía de CARLES GUSI POQUET
Instrumentos creados para MUT NATURA

Adattamento dello strumento tamburo della tempesta:

Il tamburo della tempesta è uno strumento di origine australiana che, come indica il nome, imita il suono dei venti e dei tuoni, era costruito con una zucca scavata alla base, dove è posta una testa tesa
(prevalentemente di pelle), che comprende una molla lunga circa un metro, conosciuta tra i percussionisti anche come tamburo tuonante.
Il suono riverberato prodotto dalle molle fu riscoperto tra gli anni ’30 e ’50 anche da diversi ingegneri del suono per emulare i riverberi delle sale da concerto e delle cattedrali, e crearono diversi meccanismi in dispositivi inventati per migliorarne la riproduzione con l’intento di incorporarlo nelle loro registrazioni in studio per dare un suono più ampio ai propri dischi, il meccanismo concettualmente è semplice, la
vibrazione del suono passa attraverso delle molle e queste producono quell’effetto di riverbero.

Tambor de trueno

La mia idea era di non usare strumenti digitali per gli effetti, ho dei sintetizzatori e avrei potuto usare anche un computer per lanciare effetti durante lo spettacolo che erano molto più potenti di quelli analogici, ma mi sembrava che visivamente sarebbero stati più spettacolare per il pubblico e con un suono più autentico.
Per suonare all’interno del pianoforte, ho cercato alcuni giocattoli e diversi gadget che mi dessero diverse consistenze sonore. Le corde e l’armatura del pianoforte a coda offrono molte possibilità picchiettandole o sfregandole, ed è ideale per creare effetti sonori su le proiezioni.

C’è una scena in mare in cui c’è una tempesta, lì avrei potuto usare il tamburo tuono, ma mi è venuto in mente di realizzare un tamburo tuono con un annaffiatoio, che visivamente mi ha dato un gioco scenografico per una scena di un incendio e come simbolo della mancanza d’acqua sul pianeta.
Aveva anche bisogno di creare uno strumento analogico in grado di produrre un suono basso e continuo per simulare il suono dei ghiacciai che si spezzano e per altre scene nella proiezione.

Regadera de trueno


Cercando su internet strumenti curiosi e diversi dal solito, ne ho trovati tanti fantastici, e uno di questi produceva un suono molto simile a quello che cercavo, si chiama Yaybahar, inventato da un musicista di
origine turca, Gorken Sen, è uno strumento incredibile e mi ha affascinato.il suo suono è stato subito, cercando e cercando informazioni a riguardo, ho trovato un altro musicista e compositore cinematografico
Ian Honeyman che lo aveva copiato e fabbricato lui stesso per utilizzarlo nelle sue composizioni con un risultato affascinante, ma io non ho trovato alcuna informazione su come costruirlo, quindi ho dovuto fare un disegno io stesso con le mie esigenze, realizzandolo pensando al suo posizionamento sopra il pianoforte in modo da poterlo manipolare da lì e anche in modo che sembrasse un’altra parte del
pianoforte (preparato).

Quando ho iniziato a progettarlo mi sono accorto che utilizza lo stesso principio del tamburo tuono, la molla o molla quando vibra è amplificata dalla zucca o tamburo che funge da cassa di risonanza, a differenza che in questo strumento la vibrazione delle corde passa attraverso le sorgenti e queste si amplificano attraverso i tamburelli. L’ho chiamato Thunder Bass poiché le corde e i piroli sono di basso
elettrico.

Ci ho pensato diversamente visto che il suono di cui avevo bisogno era più profondo e spezzato, ho fatto
tantissime prove, e dopo tanto lavoro ho iniziato a progettarlo, il processo di realizzazione è stato
divertente, alla fine ho dovuto improvvisare e costruire it con i materiali che avevo più a portata di mano,
(nelle foto potete vedere il risultato), anche se sono rimasto soddisfatto dell’aspetto e del suono, sto già
pensando di migliorarlo. Vedremo come sarà il prossimo progetto, non vedo l’ora. Puoi sentire come
suona nel video della registrazione del concerto.

BOCETO DEL DISEÑO DEL BAJO DEL TRUENO
INSTRUMENTOS CREADOS – BAJO DE TRUENO

GALLERIA

Concierto Auditorio Castellón – 2023

CD

MUT NATURA

Tutte le composizioni sono di Franco Baggiani – Tromba & Joan de Ribera – pianoforte

  • 1 incendio
  • 2 ghiacci
  • 3 frane
  • 4 mare

La nostra terra,l’acqua e l’aria sono avvelanate da sostanze dalla plastica. La nostra dipendenza dai combustibili fossili ha fatto precipitare il nostro climanel caos. La produzione e il consumo insostenibili syanno aumentandi alle stelle de emissioni e degradando la nostra terra,il mare e l’aria. Un terzo di tutta la terra è degradata,rendendo più difficile nutrire la popolazioni increscita. Piante, mammiferi, uccelli, rettili, anfibi, pesci e invertebrati sono tutti a rischio. Un milione di specie sono sull’orlo del baratro. E noi cosa stiamo facendo?

Produced by Franco Baggiani for Sound Records Registrato live presso lo studio BSO di Castellón de la Plana il 19.08.2022. Tecnico del suono e mixaggio a cura de Joan de Ribera. Produced by Franco Baggiani for Sound Records, via Montanelli 35,50065 Pontassieve (Firenze),Italy-Artwork by VuduDesing. For further information about bookings and productions: soundrecords.it francobaggiani@gmail.com – +39 392 0771893 – francobaggiani.it

Escucha este cd aquí

CONTRATACIÓN

Joan de Ribera +34 607 45 91 63 / bsoproducciones@gmail.com

Franco Baggiani +39 392 0771893 / francobaggiani@gmail.com